Coronavirus: Google e Facebook in supporto alle PMI

Facebook stanzia 100 milioni di dollari, Google oltre 340 per supportare le piccole e medie imprese

Coronavirus: Google e Facebook in supporto alle PMI

In risposta all’emergenza che si sta affrontando ormai a livello globale, Google e Facebook hanno stanziato diversi milioni di dollari per supportare Piccole e Medie Imprese nei prossimi mesi.

Covid-19: i fondi stanziati da Facebook

L’azienda ha deciso di dedicare 100 milioni di dollari ad un programma di supporto alle PMI. Sarà attivo in 30 Stati e si stima che potranno accedervi 30.000 attività.

Requisiti?
Citando testualmente…

  • avere tra i 2 e i 50 dipendenti;
  • essere in attività da più di un anno;
  • aver subito gli effetti del COVID-19;
  • trovarsi o essere vicina a un luogo in cui opera Facebook.

L’ultimo punto è poco chiaro, in più provando a scoprire l’elenco dei luoghi risulta che l’Italia, così come molti altri Stati, si trova in una “fase di valutazione dell’idoneità” (1).

Italia fra i luoghi in fase di validazione per il finanziamento di Facebook alle PMI per far fronte alla situaizone coronavirus
Situazione al 7 aprile 2020

Covid-19: i fondi stanziati da Google

Il colosso Google, non da meno, ha stanziato oltre 800 milioni di dollari di cui 340 destinati alle PMI da investire in traffico pubblicitario (Google Ads).

Requisiti?

  • Avere un account che sia stato attivo per tutto l’anno scorso.

Per ora pare che non siano richiesti ulteriori elementi e che non sia necessario avanzare una richiesta, bensì i fondi verranno caricati direttamente sull’account dopo aver ricevuto una notifica e potranno essere spesi entro la fine del 2020. (2)

Come gestire budget e sponsorizzazioni in questo stato di emergenza

Non esiste una risposta valida per tutti, molto dipende dall’andamento del settore e dal Business Model dell’azienda, ovviamente.

Il consiglio è quello di analizzare la situazione con il supporto dei dati (vendite, spesa, interazione, traffico, ecc.) e focalizzare l’attenzione sui propri clienti acquisiti, che non devono allontanarsi dall’azienda, oltre che sulla propria notorietà di marca (Brand Awareness), anche tramite le attività di advertising online come Facebook Ads e Google Ads.

In alcuni mercati le spese pubblicitarie sono drasticamente aumentate, in altri si sono liberati ampi spazi di manovra.

Analizzando la situazione e studiando una strategia è possibile lavorare sull’oggi e pianificare la ripresa. Non è scontato ne semplice farlo, ma chi decide oggi di muoversi in questa direzione, ne raccoglierà potenzialmente i frutti domani.


Fonti:
1) Facebook, Programma di sostegno per le piccole imprese

2) COVID-19: $800+ million to support small businesses and crisis response